“DIATONICA” 1872
Paolo Soprani
Il più antico esemplare della collezione museale della “Paolo Soprani”. Da un catalogo illustrato della Paolo Soprani del 1918: “la perfezione delle nostre armoniche, l’abbiamo ottenuta collo specializzare gli operai a fare sempre un dato lavoro; ad esempio vi sono di quelli che non fanno altro che le sole casse gregge, altri i castelli portavoce, altri le tastiere, altri i mantici, altri le guarnizioni di madreperla e mosaico ed infine un gruppo di operai che montano i singoli pezzi e completano le casse armoniche le quali evidentemente riescono perfette perché ogni parte venne lavorata dal suo specializzato». Paolo Soprani, nato a Recanati, iniziò la lavorazione degli armonici nel 1863 fondando di fatto, con il trasferimento della sua azienda a Castelfidardo, l’Industria Italiana della Fisarmonica. Nella foto sotto , l’interno dell’organetto con l’etichetta di garanzia.